L’essenziale è invisibile agli occhi: significato della frase

In questo articolo, voglio spiegarti il significato delle frase più famosa tratta dal libro Il Piccolo Principe, è solo con il cuore che si può vedere veramente, l’essenziale è invisibile agli occhi

Il Piccolo Principe, scritto da Antoine De Saint-Exupery, è un libro che racchiude molte considerazioni sulla vita.

Quando le persone diventano adulte, non danno più valore alle piccole cose e sono più attente alle apparenze.

Dunque, si vive cercando di dimostrare qualcosa agli altri, e si perde la facoltà di percepire la bellezza della vita.

In altre parole, crescendo, si dimentica come si fa a essere felici, e si smette di essere spontanei. In realtà, è solo con il cuore che si può vedere veramente, l’essenziale è invisibile agli occhi.

Voglio farti leggere alcune frasi tratte dal dialogo tra il Piccolo Principe e la volpe, e spiegarti il loro significato.

gif;base64,R0lGODlhAQABAAAAACH5BAEKAAEALAAAAAABAAEAAAICTAEAOw== L'essenziale è invisibile agli occhi: significato della frase

L’essenziale è invisibile agli occhi: significato della frase

 

“Addio”, disse la volpe. “Ecco il mio segreto. È molto semplice: non si vede bene che col cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi”.
“L’essenziale è invisibile agli occhi”, ripeté il piccolo principe, per ricordarselo.

 

Cosa vuole dire la volpe al Piccolo Principe con questa frase?

Semplicemente, che ciò che vedi è un’illusione e non rappresenta la realtà. Per osservare in profondità qualsiasi cosa, devi ascoltare le tue sensazioni ed emozioni.

Tuttavia, in questa società il tempo sfugge via, e nessuno lo dedica ai veri valori. Si è troppo immersi a dimostrare di essere come gli altri, perdendo di vista ciò che è davvero importante.

La lezione della volpe è proprio questa: non pensare a ciò che è distante e irraggiungibile, e presta attenzione a ciò che ti sta intorno. Se non dai valore ai piccoli dettagli, non sarai mai felice.

 

“Per favore… addomesticami”, disse.
“Volentieri”, rispose il piccolo principe, “ma non ho molto tempo, però. Ho da scoprire degli amici e da conoscere molte cose”.
“Non si conoscono che le cose che si addomesticano”, disse la volpe. “Gli uomini non hanno più tempo per conoscere nulla. Comprano dai mercanti le cose già fatte. Ma siccome non esistono mercanti di amici, gli uomini non hanno più amici. Se tu vuoi un amico, addomesticami!”.

 

Le relazioni con gli altri devono andare oltre l’apparenza e la superficialità. Attualmente è facile interagire, ma si punta più sulla quantità che sulla qualità.

Poche persone stabiliscono legami veramente profondi e significativi, basati sull’autenticità. C’è poca voglia di scoprire le persone per come sono davvero, perché ci vuole tempo.

 

“Tu, fino ad ora per me, non sei che un ragazzino uguale a centomila ragazzini. E non ho bisogno di te. E neppure tu hai bisogno di me. Io non sono per te che una volpe uguale a centomila volpi. Ma se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno uno dell’altro. Tu sarai per me unico al mondo, e io sarò per te unica al mondo.”

 

Una persona può essere unica per te, solo se gli dai un valore speciale: sei tu a scegliere. Il principe ha scelto una volpe tra tante altre, e la volpe ha scelto il Piccolo Principe tra tanti altri bambini.

L’interesse reciproco ha reso la relazione speciale e intensa. L’amore e l’amicizia rendono la vita degna di essere vissuta, che altrimenti sarebbe monotona.

 

“Gli uomini hanno dimenticato questa verità. Ma tu non la devi dimenticare. Tu diventi responsabile per sempre di quello che hai addomesticato. Tu sei responsabile della tua rosa…”.
“Io sono responsabile della mia rosa…”, ripeté il piccolo principe per ricordarselo.

 

Ciò che determina un legame intenso sono le azioni. Tu sei responsabile nei confronti dell’altra persona, con la quale hai scelto di legarti.

Devi fare di tutto per trattarla bene senza ferirla. Le azioni sono più importanti delle parole, perché sono più concrete e durature.

Inoltre, se ami davvero una persona, devi lasciarla libera. L’amore non significa intrappolare una persona, anzi vuol dire lasciare andare una persona per il suo bene.

 

Se tu vieni, per esempio, tutti i pomeriggi, alle quattro, dalle tre io comincerò ad essere felice. Col passare dell’ora aumenterà la mia felicità. Quando saranno le quattro, incomincerò ad agitarmi e ad inquietarmi; scoprirò il prezzo della felicità! Ma se tu vieni non si sa quando, io non saprò mai a che ora prepararmi il cuore… Ci vogliono i riti”.

 

Anche i riti hanno la loro importanza e contribuiscono a creare una relazione solida. L’attesa, che precede la voglia e la felicità di vedersi prima di un appuntamento, è la base di ogni relazione.

L’essenziale è invisibile agli occhi: conclusioni

Dunque, è solo con il cuore che si può vedere veramente, l’essenziale è invisibile agli occhi. Comincia a coltivare relazioni profonde, nelle quali ci sia un legame intenso e sincero.

Per uscire dalla solitudine, devi dedicare il tuo tempo e metterti in gioco, anche se hai sofferto in passato. Se non soffri, non puoi neanche provare gioia proprio perché la vita è costituita dagli opposti.

Grazie alla sofferenza, la gioia ha un valore positivo, altrimenti non sapresti neanche cosa fosse. Non devi aver mai paura di mostrare i tuoi sentimenti, anche se ciò significa rivelare la tua fragilità. Mostrarti duro non serve a nulla, anzi ti rende infelice e rigido.

Accetta te stesso e esprimi le tue emozioni, conosciti bene per capirti. Solo in questo modo, potrai amare e interagire con gli altri. E’ inutile cercare altrove, ciò che non hai risolto dentro te stesso.

Ho impiegato del tempo per scrivere quest’articolo, supportami con un Like, un Tweet o un +1. Per te ci vuole solo un secondo, questo mi permetterà di scrivere e condividere altri contenuti.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.