Il mio viaggio verso la destinazione giusta

In questo articolo ti parlerò del mio viaggio verso la destinazione giusta, che mi porterà lontano da qui verso la parte di me stesso che non conosco. Proverò a spiegarti le mie paure, le mie sensazioni, i miei obiettivi e cercherò anche di trasmetterti le mie emozioni con la speranza che ti arrivi qualcosa di quello che sento.

 

Viaggiando alla scoperta dei paesi troverai il continente in te stesso.
(Proverbio indiano)

 

gif;base64,R0lGODlhAQABAAAAACH5BAEKAAEALAAAAAABAAEAAAICTAEAOw== Il mio viaggio verso la destinazione giusta

 

Ma i veri viaggiatori partono per partire e basta: cuori lievi, simili a palloncini che solo il caso muove eternamente, dicono sempre “Andiamo”, e non sanno perchè. I loro desideri hanno le forme delle nuvole.
(Charles Baudelaire)

 

Il viaggio

Un giorno potrò dire di essere arrivato a casa e decidere di restare. Toglierò le scarpe con le suole consumate e la giacca di pelle nera, ricoperta di polvere.

Prima devo riprendere il viaggio che avevo intrapreso, quest’ultima sosta è stata più lunga del previsto. L’istinto mi dice di ripartire, di non adagiarmi troppo perchè devo andare incontro al mio destino.

Hai ragione il destino non esiste, siamo noi a creare il nostro futuro: la chiamerò la mia strada. Sono sicuro che conoscerò nuovi luoghi, profumi e sapori. Nonostante io abbia paura, c’è qualcosa che mi spinge a farlo.

La paura è una scelta, dunque troverò la forza di andare oltre. So che presto dovrò fare la valigia e ripartire per ricominciare da zero.

 

La strada per la nostra destinazione non è sempre diritta. Prendiamo il percorso sbagliato, ci perdiamo, ci voltiamo indietro. Forse non importa su quale strada ci imbarchiamo. Forse quello che conta è che ci si imbarchi.
(Barbara Hall)

 

La destinazione giusta

Io credo che sia possibile cambiare la vita con la visualizzazione creativa, non credo che sia solo una suggestione. Per esempio, adesso sto visualizzando parecchie immagini che non posso ignorare.

Vedo gli occhi di una bella donna che mi fissano, sento il calore del sole che mi riscalda e il rumore delle onde che si increspano.

Ho in mente anche il luogo dove andare. Percepisco il suono della lingua che sto parlando, la mia gestualità ed il mio modo di essere che sembra così diverso da quello che sono adesso.

Se provo ad immaginare la destinazione giusta, mi abbandono alle sensazioni di benessere e pace. Non c’è nulla di certo, ma già questa percezione mi basta per iniziare il viaggio.

 

L’unica regola del viaggio è: non tornare come sei partito. Torna diverso.
(Anne Carson)

 

La vera natura

Credo che la mia vera natura mi richiami a sè. Dopo aver attraversato un lungo percorso per ritrovare me stesso e la mia dote innata, ho capito che è indispensabile seguire le proprie passioni.

E’ importante scoprirsi giorno dopo giorno, per essere consapevoli. A dire il vero, mi spaventa chi è talmente sicuro da arrivare al punto da autodefinirsi.

Io non l’ ho mai fatto e credo che mai lo farò. Ho sempre avuto molti dubbi e quando non ero convinto di una cosa, sono sempre tornato sui miei passi. Ho imparato a non pensare troppo ed agire ascoltando le sensazioni.

Per me è troppo importante, vivere ciò che sento per stare bene. Sono sempre stato fuori dagli schemi, pagandone spesso il prezzo.

Se anche tu ti stai identificando in questo modo di vivere, mi fa piacere che le mie parole ti siano d’aiuto nel trovare il coraggio di non fermarti.

Significa che anche tu hai una dannata voglia di sentire la vita, ma non sai ancora dove e come. Non preoccuparti, non sei strano, hai il coraggio di essere diverso.

Sei convinto che arriverà il momento atteso, e nonostante tutto sei ancora qui con i tuoi sogni. Ogni giorno cerchi di stringere tra le tue mani l’aria che ti sfugge via.

 

Le persone giungono sempre al momento giusto nei luoghi in cui sono attese.
(Paulo Coelho)

 

Il momento atteso

Io credo che quando arriverà il momento atteso, sarà bello trovare la serenità nel posto giusto dopo il lungo viaggio.

Magari anche tu immagini o desideri:

  • una casa che somigli a te, cioè al tuo essere incasinato ma al tempo stesso ordinato.
  • un giardino con tanti alberi e fiori dove il tuo cane corre e scondinzola felice.
  • la tua donna o il tuo uomo, che ti guarda sempre con quello sguardo che ti ha fatto perdere la testa.

Prima però è necessario andare incontro al futuro, iniziando il viaggio. Quest’ ultimo può essere sia fisico sia mentale, ma rimane sempre un viaggio.

So quanto può essere difficile capire cosa fare nella vita, perciò prima ti consiglio di capire cosa non vuoi fare. Per non perderti, non dovrai mai seguire le cose che non ti appartengono. Solo in questo modo potrai fare la scelta giusta e scoprire il tuo talento.

 

La creatività nasce dall’angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura.
(Albert Einstein)

 

L’ angoscia incompresa

Ritornando al mio viaggio, so che stavolta quest’ultimo non servirà a scappare da me stesso. L’ ho già fatto in passato, questa volta invece seguirò il mio animo più profondo.

E’ il viaggio decisivo delle scelte decise. Voglio abbracciare l’ignoto affinchè io possa trovare la mia base sicura che non c’è mai stata.

Secondo la teoria dell’attaccamento di Bowbly, un bambino nei primi anni di vita cerca nella madre protezione e calore. Se qualcosa non va per il verso giusto, ci potrà essere un attaccamento insicuro.

Questo fattore può influenzare notevolemente la vita di una persona, rimanendo come un’ angoscia incompresa. Ho combattuto questo mostro per tutta la vita, ma ho capito che dovevo accorglierlo per vivere meglio.

La mia passione per la scrittura mi ha permesso di esprimere questa angoscia, di farla mia e di darle un nome. Tuttavia la mia creatività non vuole fermarsi e mi chiede di proseguire nel mio viaggio verso la destinazione giusta.

 

Il nome di un uomo non è come un mantello che gli sta penzolante e che gli si può strappare o cacciare di dosso, ma una veste perfettamente adatta, o come la pelle concresciutagli che non si può graffiare senza far male anche a lui.
(Goethe)

 

Il mio nome e la mia immagine

Credo che sia arrivato il momento di riconoscermi nel mio nome e nella mia immagine fatta di pregi ma anche di difetti.

Sono sicuro che diventerò quel che già sono, ma solo dopo questo lungo viaggio. In altre parole per cambiare veramente, tornerò a essere tutto ciò che sono sempre stato: è il paradosso del cambiamento.

D’altronde se fosse stato tutto così facile, non avrei sviluppato una maggiore consapevolezza. Ho intrapreso strade molto complesse e vicoli ciechi, impiegando più tempo del previsto.

La cosa che conta davvero è arrivare al traguardo. Non importa quando: la vita non è una corsa veloce, è una marcia! Puoi fare anche delle soste per rifornirti di carburante, però non devi fermarti mai.

Per me è gratificante, sapere che adesso o in un giorno qualunque leggerai le mie parole. Non importa cosa penserai, mi interessa solo che ti suscitino qualche emozione.

Cerco di farti arrivare la mia storia, il mio messaggio, le mie sensazioni. Mi basta questo, non serve altro. Se vorrai anche interagire con un commento, sarà un surplus.

 

Ho impiegato del tempo per scrivere quest’articolo, supportami con un Like, un Tweet o un +1. Per te ci vuole solo un secondo, questo mi permetterà di scrivere e condividere altri contenuti.

Rispondi

error: ALL RIGHTS RESERVED